Il diario di Bulloff all'IC Galilei

Inviato da francesca il Mer, 05/30/2018 - 09:05
Corpo

galileiÈ finalmente iniziato il progetto “Bull-Off, spengiamo il bullismo e il cyberbullismo” promosso dall’Istituto degli Innocenti di Firenze e dalla Fondazione ENEL Cuore, che ha visto coinvolte dodici classi del nostro Istituto Comprensivo “V. Galilei”  di Pisa. Hanno preso parte al Progetto la 4°A, 4°B, 5°A e 5°B della Scuola primaria “L. Gereschi” e le clagalileissi 1°A, 1°B, 1°C, 1°D, 2°A, 2°B, 2°C e 3°D della Scuola secondaria di primo grado “V. Galilei”. 
Il progetto si è articolato in momenti diversi con la realizzazione di laboratori durante i quali abbiamo compreso i fenomeni del bullismo e cyberbullismo.
In primo luogo abbiamo definito, grazie alla collaborazione di una psicologa, cosa fosse il bullismo, distinguendolo da altri tipi di problemi comportamentali. Per comprendere meglio di cosa si tratta abbiamo lavorato in gruppo su materiali cartacei e abbiamo realizzato delle brevi drammatizzazioni che rappresentavano degli episodi di bullismo e cyberbullismo. 
L’attività è stata molto interessante perché ci ha fatto sperimentare in prima persona i vari ruoli dei protagonisti di questi fenomeni e ci ha consentito di confrontarci sulle emozioni provate durante la messa in scena. 
galilei

Abbiamo riassunto parte di quanto imparato in un cruciverba, realizzato sempre in gruppo. 
Sono seguiti altri incontri in cui abbiamo approfondito le varie forme di bullismo e cyberbullismo attraverso la visione di video musicali, come “Guerriero” di Marco Mengoni, o video dedicati a questo tema come “L’Unione fa la forza” di Silvia Bairo vincitore del concorso "Bulli di Cartone", realizzato dal Giffoni Film Festival in collaborazione con Telefono Azzurro o “I love Andrea – corto sul cyberbullismo”, cortometraggio realizzato dagli alunni della classe 1 E dell'I.C Gennaro Capuozzo di galilei  galilei

Napoli nell'ambito del progetto Bulli con un Click, reperibili gratuitamente online. Al termine della visione dei filmati è seguita una lunga discussione e un confronto su come potevano essersi sentite le vittime e cosa avrebbero potuto fare loro stesse o le persone che avevano assistito alle prepotenze per uscire da quella situazione problematica.
Per questo, sempre insieme alla psicologa, alla scuola secondaria, abbiamo iniziato a scrivere in gruppo il copione, in formato cartaceo, di un fumetto che rappresentasse un episodio di bullismo e/o cyberbullismo. 
galilei  galilei   galilei

Mentre alla Scuola primaria abbiamo riflettuto su quali fossero le cose che possono impedire che il bullismo si manifesti e abbiamo cercato di creare alcuni slogan per contrastarne la diffusione.
Infine abbiamo lavorato su di noi e sul nostro gruppo di classe, per migliorare la comunicazione tra noi compagni e cercare di capire meglio gli stati d’animo degli altri e provare a metterci nei loro panni quando hanno un problema. 
Grazie “Bull-Off” per averci reso più consapevoli e uniti!

galilei   galilei

Nella seconda parte del progetto, con l’intervento in classe del media educatore, le classi primarie hanno realizzato un manifesto collettivo composto da ogni singolo disegno/slogan che i bambini hanno realizzato con un messaggio per loro significativo di contrasto al bullismo e cyberbullismo.
Ciò è stato possibile utilizzando il programma, online, Padlet

Nelle classi della scuola secondaria, riprendendo il progetto del copione del fumetto basato su una storia di contrasto al bullismo, i ragazzi si sono fotografati, hanno fumettato, attraverso una app gratuita, le foto e con il programma  windows movie maker hanno creato un breve filmato.

galilei   galilei

Durante l’ultimo incontro sia i bambini della primaria che i ragazzi della secondaria si sono cementati nell’esercizio dell’Avatar, una sorta di carta d’identità modificata grazie alla quale hanno potuto riflettere sulle opportunità e sui rischi della creazione del proprio profilo personale sui social network. Ogni alunno ha lavorato individualmente e successgalileiivamente ha presentato alla classe il proprio elaborato, potendo far emergere aspetti di sé forse non ancora emersi nel gruppo classe. 

Sempre nell’ultimo incontro sono state prese a campione alcune classi della Gereschi e alcune della Galilei e gli alunni hanno compilato in maniera anomina una scheda in cui veniva chiesto loro di esplicitare quali sono, nel loro gruppo classe, le risorse e i punti di miglioramento. Condividendo ciò con la classe, ognuno ha potuto esprimere la propria opinione in assenza di giudizio e portando il proprio contributo.

galilei

                                                                                                 
                                                                                                                   
             


 
 
 

Etichette